Copyright 2019 - Custom text here

Economia e politica

Parlamento e monopoli

            

Esempio di censura parziale. Si tratta di un articolo molto ironico, a tratti caustico, di Ausonio Lomellino a commento l’attività del governo:

«Oh, che bellezza – oh, che bella festa! Direbbe il geniale Ferravilla di buona memoria: cittadini d’Italia rassegnatevi, gongolate di gioia…

Il Governo della previdenza obligatoria per i 36 milioni di abitanti regnicoli, allo scopo di suggellare la pace giusta e duratura con un atto di grandiosa tutela statale per la vita sociale e domestica della nazione, ha – dopo lunga e profonda meditazione economica finanziaria – escogitati e deliberati i monopoli industriali e commerciali detti di Stato, appunto perchè sieno effettivamente gestiti, senza rischio, alea e fastidii di sorta, per anticipare spese di acquisto, trasporto e magazzinaggio, da una combutta di prescelti speculatori riuniti in società diverse di accomandita dette Consorzi per il legale sfruttamento della popolazione del Regno».

 

L’economista: gazzetta settimanale di scienza economica, finanza, commercio, banchi, ferrovie e degli interessi privati, 46(2343), 30 marzo 1919.
http://www.byterfly.eu/islandora/object/librib%3A175904#page/6/mode/2up

 

 

 

 

Costo
della guerra

Ma quanto
costa vivere?

Scioperi
e industria

Otto
ore

Parlamento
e monopoli

 

 

f t g m