Copyright 2019 - Custom text here

Lo sport e lo svago

Si riapre la caccia

        

«Il cacciatore spera. Non importa se le fatiche di una giornata intera siano state sciupate, non importa se dopo aver camminato e sudato il carniere è ancor vuoto; il cacciatore spera, spera nel giorno dopo, e se questo è la riproduzione del giorno antecedente si spera nel dì venturo: così alla fine di ogni giornata infruttuosa, ricordando a casa tutte le speranze sono riposte nel domani.

Il cacciatore ride. Con il giorno della riapertura della caccia, cessa al cacciatore ogni cura, ogni pensiero, ogni preoccupazione. Il volto ilare, la coscienza calma, tranquilla, il cuore gonfio per le prossime gioie ed emozioni, in quei momenti non odia, non ha antipatie, dimentica perfino le offese ed è pronto a perdonare anche colui che un giorno seppe vilmente calunniarlo o tradirlo […]

Il cacciatore suda. Sembra che alla fine del divieto della caccia, corra una sfida tra cacciatori e selvaggina, e, mentre questa vanta la sua agilità e la sua accortezza, quasi irridendo ironicamente il cacciatore, questi ripone ogni fiducia nel bracco, nel piombo micidiale, nella sua mano […], nel polso fermo, nell'occhio sicuro. La parola è data e la sfida accettata […].

E nei campi solitari il cacciatore sente l'amore con tutte le sue attrattive, con tutte le sue speranze; e l'alta e nobile poesia gli scende in fondo all'animo. Venga dunque il bel tempo della caccia […]; infiammateci di quel fuoco sacro che possederono un dì i padri nostri e rendeteci degni di essi […] benedico la caccia come arte, non come sentimento di distruzione, benedico tutti i miei amici e colleghi purché scrupolosi ed onesti; benedico voi, o Fidi, o Arni, o Po che con tanto affetto ci seguite coraggiosamente nelle nostre imprese, e da ultimo siate benedette anche voi, povere bestioline, che noi uccidiamo senza pietà e perdonateci; pensate che non è animo cattivo il nostro, non spirito di vandalismo, non sentimento di distruzione, ma amore del bello, del buono, amore dell'arte».

 

Curzi, G. Si riapre la caccia. La stampa sportiva e l’illustrazione d’Italia, 18(31), 14 settembre 1919.
http://www.byterfly.eu/islandora/object/libria%3A54012#page/8/mode/2up

 

 

 

La
Milano-Sanremo

Costante
Girardengo

Girardengo
il fenomeno

Il Giuoco
del calcio

L’educazione
fisica

 

L'uomo
forte

Pugilisti
italiani

L’ora
del pugno

La lotta
e il suo codice

I 100 km
di Donato Pavesi

 

Le corse
ippiche

S. Siro

Le corse
dei cavalli

Il nuoto
è un alfabeto

Sul
trampolino

 

Canottaggio

Le razze
e lo sport

Le Alpi
e lo sci

In 55
al Monviso

Cimenti
invernali

 

Locomozione
democratica

Mondo
automobilistico

A 240 Km
all’ora

La guerra
aerea

Le note
dell'Aviatore

 

Ansaldo
conquista i cieli

Ultimo
saluto

Tiro
con l’arco

Si riapre
la caccia

Lancio
della bomba

 

 
 

 

f t g m